articolo di
Giacomo Rossi

Se nell’articolo “Cos’è un sistema MES?” avevamo evidenziato i benefici derivanti dall’installazione di un software MES (Manufacturing Execution System), qui di seguito vediamo le ragioni che portano un’azienda ad investire in tale soluzione e quali sono i principali passi da compiere in tal senso.

Nell’attuale contesto economico industriale, il tema dell’ottimizzazione delle risorse sta diventando sempre più determinante per il raggiungimento degli obiettivi aziendali e di un livello di crescita sostenibile.

Il settore manifatturiero è sempre più “demand driven” e le aziende cercano di introdurre sistemi avanzati per raggiungere l’eccellenza nella realizzazione dei prodotti. Per centrare questo obiettivo è quindi necessario dotarsi di sistemi software in grado di monitorare tutte le attività degli impianti produttivi e delle risorse che caratterizzano l’intera supply chain. Lo strumento più utilizzato e capace di rispondere a tale necessità è il MES, un software che si interpone tra il sistema gestionale (ERP) e il mondo della produzione, in grado di raccogliere grandi quantità di dati relativi all’intero processo produttivo.

Per comprendere meglio perché investire sul software MES abbiamo analizzato il caso della Nobili Spa, azienda leader nel settore delle macchine agricole, che ne ha recentemente installato uno nel proprio stabilimento produttivo di Molinella, in provincia di Bologna.

Nobili ha scelto di investire nel sistema MES con il chiaro obiettivo di sfruttare a pieno le risorse, saturare la capacità produttiva e ridurre i lotti di produzione. Il fine ultimo? Offrire un miglior servizio alla clientela.

Una schermata del sistema MES in Nobili Spa Una schermata del sistema MES in Nobili Spa

Per l’introduzione del MES è stato necessario riverificare i cicli produttivi per avere la certezza di fornire al sistema informazioni corrette e creare, di conseguenza, una solida base per il funzionamento del programma. Parallelamente è stato predisposto un documento di requisiti funzionali che il software MES avrebbe dovuto soddisfare. Questa attività è stata fondamentale per guidare gli incontri con i potenziali fornitori del software; infatti ciò ha permesso il confronto sui requisiti specifici dell’azienda in termini di flessibilità, adattabilità all’ampia gamma di necessità e integrabilità con i sistemi informativi esistenti, evitando così demo generiche sui diversi prodotti visionati.

Alla scelta del software è seguita l'installazione ed un periodo di test, durante i quali sono state definite due postazioni “pilota” per mettere alla prova il sistema: una per il reparto “Macchine Utensili” ed una per quello del “Montaggio”. Questo step intermedio ha consentito di testare tutte le caratteristiche del software sull’ambiente di lavoro e di effettuare le ultime personalizzazioni necessarie.

Il periodo “di prova” è risultato indispensabile e di grande valore. Ha consentito infatti agli operatori di conoscere nei dettagli il funzionamento del MES e di valutarne tutti gli aspetti, positivi e non. In seguito, ci si è concentrati sulla resa delle registrazioni delle attività più fluida ed intuitiva. Il parere e la collaborazione degli operatori sono stati fondamentali per costruire un sistema semplice, efficace e nel rispetto delle loro aspettative.

Una volta determinata la struttura definitiva è stato possibile completare l’installazione su tutte le aree produttive, portando così il sistema a pieno regime.

Con l’introduzione del software MES è stato possibile digitalizzare il rilievo dei tempi, abbandonando così i moduli cartacei, ottenere informazioni precise sull’avanzamento della produzione ed una completa tracciatura dei fermi macchina in “real time”.

I dati che quotidianamente vengono generati dai 15 computer installati nei diversi reparti, consentono di effettuare analisi molto approfondite volte a ridurre i principali downtime (come set-up o guasti).

Nel reparto delle Macchine Utensili il MES ha consentito all’azienda di analizzare molto dettagliatamente i fermi macchina relativi ai set-up. Per fare questo è stata valutata la frequenza e la durata media dei piazzamenti. Questo studio ha consentito di migliorare la programmazione della produzione oltre che le operazioni di attrezzaggio della macchina con le tecniche SMED (Single Minute Exchange of Die).

Nel reparto del Montaggio, i dati creati dal sistema adesso vengono aggregati per aree di assemblaggio e discussi a cadenza settimanale dal Kaizen Team, costituito dal caporeparto, dagli operatori e dal responsabile di produzione. Questi incontri sono volti ad esaminare le principali problematiche che generano inefficienza nel lavoro degli operatori ed a proporre eventuali spunti di miglioramento. Ecco alcune evidenze emerse dall’applicazione del MES in Nobili:

  • monitoraggio in real time della produzione
  • avanzamento istantaneo degli ordini di produzione
  • aumento dell’efficienza
  • riduzione dei downtime
  • riduzione degli scarti
  • miglior qualità del prodotto
  • miglior servizio offerto ai clienti
  • creazione di un database ricco di informazioni utili per analisi di miglioramento
  • riduzione della carta in azienda
  • condivisione delle informazioni in tutti i reparti produttivi
  • rapidità della trasmissione delle informazioni

Per l’azienda l’adozione di un sistema avanzato come il MES è stato sicuramente un grande progresso in termini di informatizzazione e di miglioramento dell’efficienza dei processi. Considerati i grandi benefici portati da questo strumento, è già allo studio, con la stessa software-house, l’implementazione di uno schedulatore per migliorare la gestione ed organizzazione della produzione per un ulteriore incremento della qualità del prodotto e del servizio erogato ai clienti.

Sei interessato a questo argomento? Contattaci

Riproduzione riservata©

articolo di Giacomo Rossi